Da Giovedì a Giovedì

Da Giovedì a Giovedì - A. De Benedetti Commedia scoppiettante di Aldo De Benedetti, ambientata negli anni ‘50.

FINALISTA AL PREMIO TEATRO DEL POPOLO DI CASTELFIORENTINO (FI) 2014

FINALISTA AL CONCORSO SPENGI LA TV (HUMANITAS SCANDICCI) 2014

FINALISTA AL CONCORSO TEATRO DELL’OTTO (TAVARNUZZE) 2015

PREMIO MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA (CONCORSO SPENGI LA TV)  A BRENDA VIVIANI PER IL RUOLO DI ADELE

“ADRIANA - Lui aspetta un segnale… una lampada accesa davanti alla finestra… Se vedrà il segnale verrà da lei…Quel gesto rappresenta una svolta definitiva nella sua vita… accendere una lampada e metterla davanti alla finestra può essere per lei l’amore… la .felicità… Oh, se bastasse compiere un atto semplice e facile come quello per avere l’amore, il vero… il grande amore!

LETIZIA - Oh per carità, figlia mia! Non usa più! Ormai è un’anticaglia fuori moda! Adesso per fortuna l’amore s’è modernizzato, s’è sveltito, s’è liberato di tutte le lamentele e i piagnistei! E’ diventato una cosa rapida, pratica, divertente…

Da Giovedì a Giovedì - una scena del Primo Atto

Adriana e Tito

LA TRAMA:

Per una sola volta nella vita, la giovane e graziosa Adriana si lascia andare ai propri sogni di romanticismo, complici un film d’amore appena visto, un marito cinico ed egoista, e una lampada accesa nella notte.

Un gioco innocente e privo di malizia, si trasforma però in una serie incontrollata di equivoci bizzarri, che si susseguono uno dietro l’altro, precipitando in un finale a sorpresa decisamente inaspettato.

L’energia, l’affiatamento, il ritmo serrato e la concatenazione irrefrenabile degli eventi, fanno di questa commedia (in perfetto stile “De Benedetti”) uno spettacolo gradevole e brioso, attualissimo e adatto ad ogni genere di pubblico.

Al fianco di Adriana, si avvicendano sul palcoscenico personaggi effervescenti e imprevedibili: una madre fin troppo moderna; un marito tutto d’un pezzo; un investigatore privato trasformista; un segugio infallibile e romantico, disgustato dal proprio lavoro. L’immancabile cameriera chiacchierona (ruolo che ha valso all’interprete BRENDA VIVIANI il premio come miglior attrice non protagonista al CONCORSO DI SCANDICCI organizzato da Humanitas) fa da perfetta cornice al cast, aumentando senza volere i fraintendimenti.

PERSONAGGI ED INTERPRETI in ordine di apparizione:

PAOLO, il marito cinico ed egoista………………ENRICO PISANINI

ADRIANA, la moglie giovane e romantica….MADDALENA PUCCI

ADELE, la cameriera chiacchierona………………BRENDA VIVIANI

LETIZIA, la madre modernissima………………..MESA PELLEGRINI

MISS. TROMBI, detective trasformista….LUCREZIA SANTONI

TITO, l’infallibile segugio…………………………..MATTIA RIGATTI

REGIA di FABIOLA VERACINI

SCENOGRAFIE A CURA DELLA COMPAGNIA
TECNICO AUDIO E LUCI: LAUTARO OLIVARI
COSTUMI: FABIOLA VERACINI - ELISABETTA TACCI

Un enorme grazie a DAVID DE CARLO per il preziosissimo aiuto

ED ECCO A VOI LE FOTO DELLO SPETTACOLO… ^_^