LA SGUALDRINA TIMORATA - dramma di J. P. Sartre

GUARDA IL TRAILER!!! CLICCA QUI

La Compagnia Teatrale Unicorno porta sulle scene uno dei drammi più toccanti e intensi del ‘900: LA SGUALDRINA TIMORATA, di Jean Paul Sartre.

SPETTACOLO FINALISTA AL CONCORSO F.I.T.A. LUCCA E TOSCANA “IL TOSCANELLO 2014″

manifesto-sartre-definitivo_neutro1

Lizzie “Voglio dire la verità!”

Fred “La verità? … Non c’è verità! Ci sono i bianchi, e ci sono i neri. QUESTA è la verità”

La trama:

Louisiana, 1939. In un Paese in cui l’integrazione reale fra popolazione bianca e popolazione nera, seppur sancita dalla legge, è ancora un’utopia, si svolge questo intenso dramma dai colori accesi, denso di emozioni e sensazioni.
dsc_3315_01_01Lizzie, prostituta d’alto bordo, si trova suo malgrado protagonista di fatti che la scuotono e la sconvolgono, al centro di una spietata caccia al nero, accusato (INNOCENTE) di averla violentata.
Ma la società (sobillata dai potenti, che vogliono coprire ben altro crimine ottemperato per mano di uno di loro), chiama a gran voce una vendetta spietata quanto inutile.
Amore, rabbia, dolore, desiderio di giustizia, buoni e cattivi sentimenti… si alternano in una danza che travolge i protagonisti fino a condurli ad un inaspettato finale. dsc_3525_01_01
Trionferà la cattiveria, insita, si dice in ogni cuore umano? O sarà la naturale inclinazione dell’uomo alla bontà a vincere?

È soprattutto un’appassionata protesta in nome dell’uguaglianza e della fratellanza umane. J.P. Sartre prende di mira il razzismo e l’ ipocrisia borghese statunitense del primo Novecento. L’intento è quello di evidenziare come i personaggi della storia siano al tempo stesso i prodotti e le vittime di certe strutture collettive, che altro non sono che un dsc_3627_01_01reciproco condizionarsi degli individui medesimi.

La storia è avvincente, vera, densa, capace di trasportare in un tempo lontano, ma per molti aspetti, purtroppo, ancora molto attuale.
L’animo umano viene scandagliato e denudato attraverso la psicologia dei personaggi.
La conclusione ha un sapore dolce-amaro, un po’ come la vita, che affligge e delizia in egual misura.

INTERPRETI:

YLENIA SPINELLI (LIZZIE)

MATTIA RIGATTI (FRED)

LAUTARO OLIVARI (IL NERO)

LUIGI PALANDRI (IL SENATORE CLARKE)

SAMUELE PICCHI (JOHN)

REGIA

FABIOLA VERACINI

dsc_3497_01_01

LE FOTO DELLO SPETTACOLO!!!